top of page

Ingorgo a ore 12! Rush Hour: un’analisi

Che foste seduti in mezzo al traffico o semplicemente cercando una nuova canzone con un po’ di quel vecchio groove, al suo rilascio, Rush Hour ft. j-hope è stata una piacevole sorpresa sia per gli ARMY che i fan di Crush. Ripiena di beat funk e hip hop old school accompagnati da una coreografia scorrevole, questa canzone orecchiabile contribuisce alla complessa narrativa di successo e avversità, precedentemente affrontata da altri lavori dei BTS, tra cui Jack In The Box e Map of the Soul: 7.


Il conto alla rovescia è stato veloce; Crush ha annunciato la collaborazione meno di una settimana prima del rilascio del video musicale. Ciononostante, i fan non hanno perso tempo per promuovere la canzone, facendole raggiungere il 1° posto in 35 Paesi su iTunes e facendola debuttare al 4° posto nelle classifiche Top Song Debut di Spotify e Hot Trending Songs di Billboard. Inoltre, il video musicale, con ambientazione retrò e molte macchine, ha raggiunto gli 8 milioni di visualizzazioni nel corso di 24 ore. Si è trattato di un cambio di direzione da Jack In The Box, privo di coreografia: Rush Hour include sia nuove mosse di ballo degne di diventare trend su Tik Tok, che un omaggio a vecchie mosse di ballo che ritroviamo in svariate canzoni dei BTS durante i versi di j-hope.


Come la maggior parte dei progetti dei BTS, la canzone va ben oltre una buona musica e un’impeccabile esibizione, consegnando al contempo un messaggio più profondo. La metafora principale che dà titolo alla canzone è la comparazione del successo ad un’affollata ora di punta – in inglese, rush hour. Crush usa la metafora all’inizio per discutere degli ostacoli che gli impediscono di produrre musica. Spiega che, sebbene abbia viaggiato grandi distanze, metaforicamente e letteralmente, abbia “mantenuto la bocca chiusa per troppo tempo” dopo essersi ritrovato continuamente bloccato nel traffico per “due interi anni”. Questo potrebbe riferirsi al comeback di Crush dopo diciotto mesi di servizio militare obbligatorio, ma potrebbe anche riferirsi ad altri ostacoli personali e professionali che potrebbero essere stati d’intralcio nel suo lavoro.


Nel programma stile karaoke Crush의 BLACKVOX, j-hope parla del suo verso, di come “[ha] interpretato le tante macchine nella strada come persone”; dice anche che a volte si sente “intrappolato o sopraffatto dalle relazioni interpersonali, per varie ragioni”. Nella canzone, j-hope rappa “붐비는 People, 마치 Traffic 기분”: una folla di persone, [gli] sembra di essere in un ingorgo stradale [che lo segue]; “ora, ovunque vada, sembra di essere in un red carpet“. Il messaggio viene ripreso nel ritornello quando Crush e j-hope invitano chi ascolta a seguirli: “uniamoci come [fossimo in] un ingorgo stradale”, trasformando alla fine della canzone l’ora di punta (rush hour) nell’ora di Crush (crush hour).


In ogni parte del testo troviamo delle ripetizioni che aiutano a trasmettere l’atmosfera che si crea quando ogni macchina si affianca l’una alle altre nel mezzo di un ingorgo stradale senza fine. Molte di queste sono onomatopee: “hibihibihop”, “땍땍” (ttaekttaek, il suono di piedi che sbattono o applausi), “clap clap”, il clacson di Crush che fa “삑걱삑걱” (ppikgeok ppikgeok), ma anche “찰칵찰칵” (chalka chalka, clic clic). Tra le onomatopee troviamo anche il suono delle macchine fotografiche (“사진 [...] 찍어 찍어”) nel verso di j-hope1. Questi suoni aggiungono un tono divertente al sound della canzone, enfatizzando allo stesso tempo il suo messaggio.


Come l’Interlude: Shadow di SUGA e la sua stessa Arson, j-hope esprime come il successo (così simile all’ora di punta) ti faccia sentire senza alcuna assicurazione “보험마저 없는”, così come il traffico stradale può cambiare nel giro di qualche secondo. Questo è un tratto distintivo dei loro recenti lavori: la loro onestà nel riconoscere la fragilità del successo nonostante la loro attuale posizione al vertice dell’industria musicale, o forse è proprio a causa di essa. Ciò dimostra la loro dedizione verso l’autenticità e verso le riflessioni nei loro testi.


Tutti sappiamo quanto complicato ed incerto possa essere il futuro. Ma se qualsiasi cosa stia per arrivare nel secondo capitolo dei BTS è anche solo un poco come Rush Hour, possiamo dire con sicurezza che i Bangtan mostreranno nuovi abilità e stili individuali, mantenendo saldi i due pilastri dell’esibizione e della sostanza che porta all’ammirazione del gruppo a livello globale.


Scritto da: Mariko

Editato da: Lisa K

Design a cura di: ThornToHisRose

Tradotto da: adeat

Traduzione editata da: Eleonora e Silvana


ARMY Magazine non detiene i diritti di nessuna delle foto e dei video condivisi sul nostro blog. Non intendiamo violarne i copyright.



1 N.d.A: “사진 소리 찰칵찰칵 가는 길마다 찍어, 찍어“ può tradursi come: il suono di foto[camere] clic clic in ogni strada che vado, scatta, scatta. L’espressione coreana 사진을 찍다 significa scattare una foto. Ripetendo il verbo coniugato nella sua forma informale, “찍어”, j-hope crea un’assonanza parallela con l’onomatopea 찰칵찰칵 enfatizzando allo stesso tempo la quantità di foto scattate.

コメント


bottom of page