Our Recent Posts

Archive

Tags

  • ARMY MAGAZINE

HO IMPARATO IL COREANO GRAZIE AI 비티에스 (BTS)

Il 9 ottobre, il canale KBS1TV ha trasmesso un documentario da un’ora dedicato all’alfabeto coreano, chiamato 한글 (hangul) in Corea del Sud. Una parte di questo speciale includeva anche i BTS e il loro contributo nella diffusione a livello mondiale della lingua attraverso la loro musica e altre forme di intrattenimento. Ma cosa rende l’hangul così speciale da avere una festa nazionale in suo onore? Andiamo a scoprire la storia del sistema di scrittura che ultimamente tutti vogliono imparare!


Le origini


La nascita dell’hangul risale al XV secolo, il periodo della dinastia Joseon, quando la Corea era unita e per scrivere i coreani usavano i caratteri cinesi, chiamati da loro hanja. L’alfabeto cinese contiene molti caratteri e le persone avevano difficoltà ad apprenderli e scriverli; si era creato un divario tra l'élite e la gente comune. Nel 1443, per risolvere questo problema, il re Sejong il Grande decise di elaborare un sistema di scrittura più semplice, che completò nel 1444, pubblicato nel 1446 in un documento intitolato “Hunminjeongeum”, in hangul 훈민정음.


Malgrado la nobile iniziativa del re Sejong, l’hangul venne quasi perduto del tutto durante il regno di re Yeonsangun. Per preservare lo status quo della Corea, il re mise al bando il neonato alfabeto e fece chiudere le scuole che lo insegnavano. Nel XX secolo, durante l’occupazione giapponese, prese piede la rinascita dell’hangul grazie alla Società Nazionale Coreana che nel 1926 decise di celebrare il 68° anniversario della dichiarazione dell’alfabeto nell’ultimo giorno del nono mese del calendario lunare. Il termine “hangul” fu introdotto proprio dal fondatore della Società Nazionale Coreana, Ju Si-gyeong, tra il 1910 e il 1913.


Il giorno dell’hangul ha cambiato la sua data spesso dalla prima celebrazione. Per ricordare la pubblicazione del Hunminjeongeum, la Corea del Sud lo festeggia ufficialmente il 9 ottobre sin dal 1949, ad esclusione degli anni che vanno dal 1991 al 2012, periodo in cui fu rimossa come festa nazionale a causa di ragioni economiche.


Il ruolo dei BTS e della HYBE nella diffusione della lingua coreana


Sin dal 2017, dalla crescita di popolarità dei BTS, il gruppo ha continuato a infrangere numerose barriere con la sua musica, e di conseguenza, ha raggiunto traguardi che nessuno credeva possibili. Secondo Statista, i BTS ammontano allo 0,3% (circa 4 miliardi di euro) del PIL della Corea del Sud. Ma oltre all’impatto musicale ed economico, non si può certo dimenticare il loro ruolo nella diffusione della lingua e della cultura coreana nel mondo. Chiari esempi dei ragazzi che promuovono l’hangul sono gli episodi 86, 87 e 88 di Run BTS!, in cui i giochi erano relativi alla loro lingua. Quando SUGA, sotto le vesti di Agust D, ha rilasciato il video musicale di 대취타, Daechwita, nel maggio del 2020, l’interesse di ARMY da tutto il mondo si è rivolto verso la storia coreana. E quest’anno, oltre al documentario della KBS1TV, abbiamo potuto vedere i BTS in sette clip individuali, rilasciate dalla Hyundai, in cui ogni membro scrive in hangul.


HYBE EDU, filiale di HYBE Entertainment, rilascia vari contenuti educativi, quali video e libri, sin da marzo 2020. Tutto è iniziato col rilascio su Weverse di video da tre minuti della serie Learn Korean with BTS, conclusa con 30 episodi il 28 settembre 2020. HYBE EDU ha anche collaborato con diverse università degli USA, Francia, Vietnam, Egitto e altre nazioni, per usare i libri “Learn Korean with BTS” come materiale supplementare per il corso di lingua coreana. Otto giorni prima del 575° anniversario dell’hangul, ha rilasciato dei video divertenti relativi all’alfabeto, quali: il video del testo di 가나다 (GANADA), una clip per ㄱ한가 (Ricordo)*, la poesia che RM ha dedicato ai membri nell’episodio 56 di Run BTS!, e un video con la famosa youtuber Korean Unnie che insegna sette delle 14 consonanti coreane.


N.d.T. ㄱ한가: RM gioca con l'assonanza della parola ricordo, in coreano 기억 [kieok], e la prima lettera dell'alfabeto coreano, ㄱ [chiamata 기역, pronunciata kiyeok]. 하다, qui coniugato in -한다, verbalizza i sostantivi, creando un gioco di parole: "Tutti questi ricordi [기억], come la lettera dell'alfabeto 기역, sono le mie preziose prime [esperienze/impressioni]. Dunque, anche oggi, io ㄱ i miei ricordi".


Andando avanti


Questi ultimi anni sono stati incredibili per la Corea del Sud. Non solo la musica, ma anche i drama, i film, i fumetti, il cibo, i prodotti di bellezza e tanto altro sono diventati più popolari. In modo indiretto, questa ondata di interesse per la cultura e le forme di intrattenimento coreane hanno portato a un maggiore interesse per la lingua stessa, così da poter capire meglio il proprio contenuto preferito. A due settimane dal rilascio della serie Netflix Squid Game, Duolingo ha riportato un aumento del 76% di utenti dalla Gran Bretagna e del 40% dagli USA.


Il King Sejong Institute, diretto dal Ministero della Cultura della Corea del Sud, ha notato una rapida espansione: da 740 studenti provenienti da tre nazioni nel 2007, l’anno scorso si sono raggiunti circa 76 mila studenti provenienti da 82 nazioni. Non sorprende affatto che il presidente Moon Jae-in ha definito l’hangul il soft power, il potere convincitivo, della nazione. Con questa crescita, si può sperare che in un mondo globalizzato, le persone possano, citando il regista Bong Joon-ho, “superare la barriera alta un centimetro dei sottotitoli” e far conoscenza con la lingua e i contenuti coreani.



Scritto da: Anugya

Editato da: Ren

Design a cura di: ThornToHisRose

Tradotto da: adeat

Traduzione editata da: Eleonora, Monica e Silvana



ARMY Magazine non detiene i diritti di nessuna delle foto e dei video condivisi sul nostro blog. Non intendiamo violarne i copyright.