Our Recent Posts

Archive

Tags

  • ARMY MAGAZINE

BTS, THE BEST (OF) PT.2 - 2014 LA LORO GENTILE ASCESA AL SUCCESSO INTERNAZIONALE

Il 2014 ha accolto i BTS con all’attivo ben 2 album ad appena 202 giorni dal debutto. Anche se nessuno sapeva che cosa avesse in serbo l’anno per i nostri sette ragazzi, quello che è certo è che avevano lasciato un’impronta nel settore. Log, episodi e meeting coi fan hanno permesso agli ARMY di rimanere aggiornati sulle loro vite, mostrando le loro affascinanti personalità attraverso le simpatiche malefatte dei ragazzi una volta scesi dal palco. Nel frattempo i ragazzi avevano debuttato anche in Giappone e dato il via alla loro prima serie di concerti, mostrando al mondo il loro talento artistico. Diamo il via a un flashback di sette anni fa!

Una Nuova Era


I BTS hanno inaugurato l’anno con il seguito della loro trilogia scolastica, Skool Luv Affair. Il minialbum, con la title track Boy in Luv e Just One Day, ha venduto circa 86.000 copie in Corea, e ha raggiunto il terzo posto nella Billboard World Album Chart. In seguito è uscito il repackage, Skool Luv Affair Special Addition, con all’interno due nuove canzoni e tracce nascoste.


Gli ARMY erano ancora presi dall’immagine dei Bangtan in uniforme scolastica quando i ragazzi sono entrati nell’era “Dark&Wild”, promuovendo i singoli Danger e War of Hormone. Agosto 2014 si è riscaldato quando i BTS ci hanno chiesto che cosa volevamo, con il loro gentile “Hello, hello” che ci risuonava per la testa. Naturalmente ci siamo subito abituati al loro look da cattivi ragazzi, e l’album è piaciuto così tanto che è arrivato al 14esimo posto nella classifica degli album più venduti in Corea.

Agli ARMY con Luv


Tra coreografie perfette e testi d’impatto, Jungkook ha cominciato le scuole superiori. Che per voi sia la prima volta o no, quando vedete il maknae dei BTS che arriva alla cerimonia di apertura con la sua uniforme gialla accompagnato dai suoi hyung (orgogliosi come dei papà) vi conviene preparare i fazzoletti. Non era adorabile?


A proposito di cose adorabili, lo sapevate che SUGA, in occasione del suo compleanno, ha scritto circa 300 messaggi incartati insieme a dei dolcetti per gli ARMY e li ha distribuiti ad un mini meeting coi fan? Gli ci sono voluti diversi giorni per preparare questa sorpresa, ma ovviamente ce l’ha messa tutta per rendere felici i fan. ARMY, 괜찮아요 [gwaenchanh-ayo, tutto a posto]?


Le interazioni con gli ARMY non si fermano qui! In Corea si sono tenuti non meno di 30 fansign e fan meeting, insieme al primo Muster per i membri del fan club e concerti gratuiti come il Lotte Duty Free Family Concert e l’Incheon K-pop Concert. In cambio, gli ARMY hanno mostrato il loro amore e supporto durante la partecipazione dei ragazzi ai loro primi MBC Idol Athletic Championships (ISAC). Nonostante SUGA non sia riuscito a partecipare a causa di un infortunio, i membri non lo hanno sostituito, portando in suo onore un orsacchiotto (le cose non sono cambiate, eh?), e Jimin ha vinto una medaglia d’argento a futsal!

Worldwide Bangtan


I BTS, com’è naturale che sia, non si sono limitati alla Corea: insieme ai loro primi viaggi internazionali come gruppo hanno infatti organizzato una serie di fan meeting, durante i quali hanno incontrato ARMY in Brasile, Cina, Messico, Germania e Svezia.

Sono passati anche in Russia, dove si sono esibiti e apparsi in qualità di giudici durante una gara di cover K-Pop a Mosca. In agosto sono volati a Los Angeles, per esibirsi al KCON 2014, dove hanno scoperto la loro crescente popolarità tra gli ARMY degli Stati Uniti.

Il 17 ottobre i ragazzi hanno finalmente realizzato il loro sogno: un tour. La prima parte del “BTS 2014 LIVE TRILOGY EPISODE II. THE RED BULLET TOUR”, durata tre mesi, li ha portati in Corea, Tailandia, Giappone, Singapore e nelle Filippine, per un totale di nove concerti.

Giugno 2014: Buon Compleanno Bangtan!


A giugno i BTS ci hanno regalato quella che sarebbe diventata una tradizione, un evento molto atteso nel fandom, ossia la FESTA! Hanno condiviso con noi foto, due prove di danza di Adult Child e Beautiful e il loro primo Kkul (Honey) FM 06.13. Ne volete ancora? Date un’occhiata alla loro iconica prima festa di compleanno al dormitorio. Attenzione però, è semplicemente irresistibile!


E come se questo mese non fosse già pieno con tutti i festeggiamenti del loro primo anniversario, i BTS hanno debuttato in Giappone con la versione giapponese di No More Dream, seguita da Boy in Luv, Danger e il loro primo album completamente in lingua: Wake Up, che ha venduto circa 28.000 copie nella prima settimana dalla pubblicazione. In precedenza avevano già lanciato il loro Japan Official Fanclub e preparato il primo fan meeting ufficiale in Giappone.

American Hustle Life


Un’altra pietra miliare, per quanto controversa, nella carriera dei BTS è il reality show “BTS American Hustle Life”, andato in onda su Mnet da luglio a settembre 2014. Filmato a Los Angeles, questo show di otto episodi mostra i ragazzi mentre vengono “preparati” allo “stile di vita hip hop americano”. Tra gli altri, hanno collaborato con il famoso rapper Warren G e con la vocal coach Iris Stevenson, che si sono complimentati coi ragazzi per il loro talento musicale e genuinità. Nonostante le sfide, i BTS hanno colto quest’occasione per crescere, mantenendo sempre la loro mentalità positiva.

Best New Artists


I Bangtan hanno anche ricevuto diversi premi, dal Rookie Artist of the Year (ai Golden Disk Awards) al Best New Artist Award (ai Seoul Music Awards) e il Best New Artist – Male Group (Gaon Chart Kpop Awards). Hanno chiuso l’anno col botto, esibendosi al red carpet dei MAMA con Boy in Luv e uno special stage insieme ai Block B, dove tutti (in particolare Jimin!) hanno lasciato una forte impressione!

Gli anni passano, e i ricordi insieme ai BTS diventano sempre più significativi, portandoci ad amarli “più di ieri e meno di domani”. E quindi preparatevi, ARMY, per il 2015. Come riscaldamento vi consigliamo un ripassino del nostro Best (of) 2013.


Scritto da: Helene

Editato da: Alice

Design a cura di: Judy

Tradotto da: Monica

Traduzione editata da: Eleonora e Nas


ARMY Magazine non detiene i diritti di nessuna delle foto e dei video presenti sul nostro blog. Non intendiamo violarne i copyright.