• ARMY MAGAZINE

HOUSE OF ARMY PT.2 - LA PARTICOLARE SPECIE DEI PAPÀ ARMY

Non è sempre facile incappare in un papà ARMY. Non molti di loro hanno un account per stannare come invece lo hanno certe mamme; spesso non possiedono alcun merchandise o adesivo sulle loro auto. Eppure ce ne sono, là fuori, a sostenere silenziosamente i loro ARMY preferiti e i BTS contemporaneamente. Ecco alcune delle loro esperienze.

Foto su cortesia di @scotticephoto

Tantissimi ARMY hanno imparato ad amare i BTS grazie alla loro musica e ai messaggi che trasmette. Lo stesso si può dire per questi papà ARMY. Mathieu dal Canada ci ha raccontato che in realtà è stata sua moglie a convincerlo. Sebbene gli sia servito un po’ di tempo, alla fine la musica dei BTS ha avuto la meglio. Infatti, ha scaricato MOTS:7 il giorno stesso del rilascio. “Mi trovavo fuori città per lavoro, e dovevo mettermi al volante la mattina presto per tornare a casa”, ha dichiarato. “Ma nel momento in cui mi sono svegliato, ho fatto in modo di scaricarlo sul cellulare, così da poterlo ascoltare tornando a casa. Devo averlo ascoltato almeno tre volte.” Sebbene la musica dei BTS esuli dai suoi generi preferiti, Mathieu l’apprezza ugualmente, “la buona musica è comunque buona musica.”


Sam, dagli Stati Uniti, preferisce la rap line, ma scherza sul fatto che vivere con tre donne lo ha aiutato a “imparare a sopportare le cose più delicate.” Da fan dell’hip hop anni ‘90, era emozionato nel guardare “American Hustle Life” con la sua famiglia, che lo ha aiutato a conoscere meglio i membri. “La mia canzone preferita è Cypher 4,” ci ha detto Sam. “Qualsiasi canzone della rap line è benaccetta nella mia macchina.” Non è solo la musica ad avere un impatto su Sam, però. “Sono dei ragazzi rispettabili”, ha detto.

Cortesia di @kristinfg e @SaraMichelle314

Sam non è l’unico a pensarla così. Claudio, che vive in Italia, ama come i BTS lo abbiano aiutato con le sfide quotidiane. Inizialmente, quando le sue figlie gli avevano regalato un biglietto per il concerto di Parigi, Claudio era titubante. Presto però ha compreso che i BTS offrono supporto a molte persone, incluso lui stesso. “Dopo aver vissuto una così fantastica esperienza [al concerto]”, ha confessato, “ho capito che avrebbero aiutato anche me ad affrontare la vita di tutti i giorni.”


Joel, dall’altro lato, ama i BTS per le loro storie e ciò che ispira le loro canzoni. Quello che ammira maggiormente è come stiano abbattendo gli stereotipi cantando delle loro difficoltà, ma anche di come ripaghino la società. Per lui è stato talmente notevole che, da parroco in India, li ha “usati come esempio in alcuni dei miei messaggi negli incontri con i giovani.”


In Canada, Laurent ha scoperto i BTS mentre sua figlia li stava guardando giocare a Twister. Ammette di essersi sentito confuso, in un primo momento. “Come si fa a capire cosa sta succedendo?” ha pensato. Era una situazione quasi troppo caotica, con tutte quelle risate, i movimenti, e i tentativi di leggere i sottotitoli. Ha poi iniziato a guardare alcuni episodi di Run BTS!, seguiti da tutte stagioni di “Bon Voyage” (definite da Laurent un must da vedere). Ovviamente la musica non ci ha messo tanto ad arrivare. “Ormai è da un anno che li seguo, e mi diverto a guardare VLive con mia figlia, o ascoltare i BTS in macchina”, ha detto. Laurent ha perfino condiviso con noi il suo bias. “Mi piacciono tutti i membri dei BTS, ma in particolare Jimin”, ha ammesso. “Apprezzo che sia così gentile con il resto dei membri e anche il suo talento di ballerino”. Non preoccuparti, Laurent, anche noi amiamo Jimin.


È fantastico come i BTS abbiano attratto fan di tutte le culture, generi, orientamenti ed età. Si potrebbe dire di tutto sugli ARMY, tranne che si tratta esclusivamente di ragazze giovani. I papà che sostengono i BTS hanno scelto di farlo per vari motivi, ma una cosa è lampante: amano le loro famiglie e i membri dei BTS, tanto quanto qualsiasi altro ARMY.


I papà ARMY sono una specie particolare. Se ne avete uno nella vostra vita, vi potete considerare fortunati . Qui ad ARMY Magazine, non abbiamo alcun papà tra lo staff, perciò abbiamo usato altri mezzi per metterci in contatto con loro per questo blog. Vogliamo rivolgere un ringraziamento speciale ai papà che ci hanno aiutati con questo blog, sia a coloro che sono familiari del nostro staff, sia a coloro che ci hanno raggiunto tramite ARMYMomInternational (@ProudBTSArmyMom su Twitter). 감사합니다 - WE PURPLE YOU!


Scritto da: Marcie

Editato da: Sanam

Design a cura di: Achan

Tradotto da: Jess93


ARMY Magazine non possiede nessuna delle foto o dei video condivisi nel nostro blog. Nessuna violazione di copyright intesa.


9 views

©2020 by ARMY Magazine